wefrood_proprieta_topinambur

I colori delle varietà

TOPINAMBUR

Famiglia: Asteraceae

Nome: Helianthus tuberosus L.
Origine: America Settentrionale occidentale
Gruppi morfo-funzionali e altre classificazioni: Le varietà si dividono in precoci (disponibili da agosto) e tardive (disponibili da ottobre)
IGP / DOP: No
PRODUTTORI, RIVENDITORI, RICETTE, OFFERTE LOCALI
VUOI VENDERE QUESTO PRODOTTO?

Topinambur. Consigli utili e l'app wefrood per trovare produttori e rivenditori

Cos'è il topinambur (o carciofo di Gerusalemme)

Il topinambur è il fusto sotterraneo di una specie della famiglia delle Asteraceae (leggi carciofo ed indivia) che di nome e cognome fa Helianthus tuberosus L., ancora poco conosciuta ma molto gustosa. Quello che si consuma del Topinambur è il rizoma (il fusto sotterraneo, non la radice), di forma irregolare, bitorzoluto e coperto da una spessa buccia di colore rosaceo. 

Dove si compra il topinambur

il topinambur si compra presso i fruttivendoli specializzati ed i produttori, entrambe capaci anche di darti consigli utili sulla sua preparazione e conservazione. Per trovare con un click i migliori produttori e rivenditori scarica l'app wefrood

Il gusto ed il sapore del Topinambur

La consistenza ricorda vagamente la patata; il profumo e il sapore, invece, ricordano il carciofo (infatti viene anche chiamato Carciofo di Gerusalemme) anche se il topinambur è più dolce. Pur essendo un rizoma, è un alimento poco calorico e povero di amido. 

Topinambur selvatico e varietà in commercio

Il topinambur (o carciofo di Gerusalemme) cresce spontaneo nelle nostre campagne e si riconosce per il vistoso fiore giallo, simile a un piccolo girasole che sboccia da fine agosto e che troviamo lungo i terreni non coltivati.

Il Topinambur è un prodotto non apprezzato da tutti. Per questa la coltivazione è concentrata solo su poche varietà che si differenziano per il diverso periodo di maturazione del rizoma. Le varietà si dividono in

  • topinambur precoci disponibili da agosto e
  • topinambur di varietà tardive, disponibili da ottobre.

I nomi della varietà coltivate più diffuse in commercio sono Bianca precoce e Bordeaux

Conservare il Topinambur. Dentro o fuori il frigorifero?

Conservare il topinanbur dopo la raccolta o l'acquisto non è difficile. La temperatura ideale per la sua conservazione è di 4 gradi centrigradi con una umidità relativa dell'85%. Dopo averlo lavato e tolto ogni residuo di terra, mettilo all'interno di un sacchetto di carta. Puoi conservare il rizoma del topinambur

  • in frigorifero, dove ha una shelf life di 15 giorni
  • oppure in un luogo fresco e lontano dalla luce diretta (per evitare che parta la germinazione e il rinverdimento) dove può rimanere indicativamente per 10 giorni
  • in congelatore, nel caso sia stato preventivamente cotto, 

Il topinanbur non svolge nessuna azione maturante nè è sensibile in alcun modo alla presenza di altri frutti in quanto è indifferente all'etilene.

Il Topinambur in cucina 

Il topinanmbur è molto versatile in cucina. Lo si può consumare, fritto, bollito, al forno, al valore e crudo, semplicemente grattugiato in insalata. Il momento migliore per assaporare il rizoma è alla fine della stagione quando la parte aerea della piantasi è seccata e la parte edibile ingrossata. Sul mercato lo si trova da agosto a marzo.

Topinambur, glicemia e salute

Il rizoma del topinambur è ricchissimo di inulina, una sostanza molto importante per il controllo della glicemia. Ha inoltre un ottimo contenuto di vitamina A, vitamina B e vitamina H. Grazie alla sua composizione, costituisce un valido aiuto per il controllo della colesterolemia. Inoltre è perfettamente idoneo alle diete dei celiaci inquanto non contiene glutine.

Topinambur, famiglia asteraceae

Lo sapevi che appartengono alla stessa famiglia delle asteraceae ed hanno caratteristiche simili anche scorzonera, carciofo e indivia? Contengono tutte inulina che fa benissimo ad abbassare la glicemia e quindi alle diete di chi ha questo tipo di problemi. Vuoi sorridere? Leggi questo articolo simpatico

Topinambur, ricetta facile: spaghetti al topinambur.

Una ricetta facile con il topinambur sono gli spaghetti al topinambur con panna dove agli spaghetti si possono sostituire le penne. Ingredienti per 4 persone:

  • una decina di topinambur
  • 1 scalogno
  • panna da cucina (anche vegetale)
  • spaghetti

Lava e sbollenta i topinambur in abbondante acqua salata per 5 minuti. Successivamente scolali, togli la buccia e tagliali a pezzetti. Taglia lo scalogno a rondelle e fallo soffriggere in una padella antiaderente con poco olio evo e aggiungi i topinambur coprendoli col coperchio e ultimando la loro cottura. Nel frattempo cuoci la pasta come d'abitudine. A cottura quasi ultimata scola la pasta e saltala assieme al condimento, aggiungendo qualche cucchiaio di panna. 

  • Ambiente di coltivazione: Campo 
FRIGORIFERO
Teme il freddo da frigorifero?
No
MATURAZIONE
Matura con gli altri:  No
Fa maturare gli altri:  No
DURATA A TEMPERATURA 
AMBIENTE:  5 giorni
FRIGORIFERO:  15 giorni
COSA SI CONSUMA
Rizoma
COME SI CONSUMA
Cotto ma può essere anche consumato crudo
COME SI CONSERVA
Dentro a un sacchetto di carta in un luogo fresco e buio oppure in frigorifero
POSITIVO PER
Diabete e Colesterolo, Ipertensione, Digestione Lenta, Stitichezza, Problemi ai capelli, Anemia
CONTIENE QUANTITÀ SIGNIFICATIVE DI
Inulina, Fibre, Rame e Ferro, Vitamina B
PUÒ CAUSARE
Non riportati effetti dannosi
Ancora nessuna varietà per questa specie
REGISTRA LA TUA VARIETÀ

Wefrood - L'app per la tua frutta e verdura

Produttori e rivenditori
Informazioni e consigli
Ricette

Scaricala e registrati

Il blog - sapere, sapore, salute