wefrood_proprieta_scorzobianca

I colori delle varietà

SCORZOBIANCA

Famiglia: Asteraceae
Nome: Tragopogon porrifolius L. var. sativus
Origine: Sud Europa
Gruppi morfo-funzionali e altre classificazioni: forma unica
IGP / DOP: NO

La Scorzobianca è un ortaggio la cui coltivazione e consumo è stata messa un po' da parte, però è da rivalutare perché matura in un periodo strategico dell'anno, avaro di verdura fresca. Della pianta si consuma la radice il cui esterno è bianco giallastro ed il cui diametro è 2-2,5 cm. La radice cotta ha un sapore delicato che ricorda quello delle noci, inoltre anche le foglie giovani che germogliano all'inizio della primavera e i germogli floreali con i loro steli sono molto gustosi se cotti. La Scorzobianca è impiegata in farmacia e in erboristeria perché ricca di proprietà, di vitamine, sali minerali e di inulina che determina il sapore dolciastro della radice. La Scorzobianca si distingue dalla sua cugina scorzonera principalmente per il colore della buccia, che per la prima è di colore nocciola o marrone chiaro, per la seconda (lo dice il nome) è scura e tendente al nero.

Sei un appassionato? Con l'App Wefrood porti con te tutte le informazioni.

Sei un impresa? Promuovi questo prodotto con Wefrood!

Varietà disponibili in commercio
Il consumo di questa radice è legato principalmente alle tradizioni locali, in particolare nel Lazio. Per colpa del limitato impiego in cucina, le varietà conosciute sono poche e si distinguono l'una dall'altra per il periodo di raccolta e  per le dimensioni della radice.

Come conservare la Scrozobianca, dentro o fuori il frigorifero?
La radice della Scrorzobianca è abbastanza delicata, infatti dopo averla pulita da eventuali residui di terra, ti consigliamo di inserire le radici in un sacchetto di carta o plastica forato e di metterle in frigorifero.

Quando gustare la Scorzobianca?
Della Scorzobianca si possono fare semine in periodi diversi dell'anno, una tardo primaverile e una estiva, essendo così disponibile da fine agosto a febbraio.

Fa parte dei frutti climaterici?
La Scorzobianca non può essere definita climaterica, in quanto climaterico è un carattere tipico dei frutti,  infatti quello che viene usato non è il frutto ma la radice. Ti consigliamo di tenerla lontana da frutta e verdura, risente leggermente dell'etilene prodotto da altri.

Lo sapevi che appartengono alla stessa famiglia ed hanno caratteristiche simili anche indivia belga, scorzonera e topinambur?

  • Ambiente di coltivazione: Campo 
FRIGORIFERO
Teme il freddo da frigorifero?
No
MATURAZIONE
Matura con gli altri:  Un po'
Fa maturare gli altri:  Un po'
DURATA A TEMPERATURA 
AMBIENTE:  5 giorni
FRIGORIFERO:  12 giorni
COSA SI CONSUMA
Radice
COME SI CONSUMA
Cotta
COME SI CONSERVA
Radici abbastanza delicate, si conservano in frigorifero in un sacchetto di carta o di plastica forato
POSITIVO PER
Artrite, Ipertensione, Iperglicemia, Digestione lenta, Perdita di capelli
CONTIENE QUANTITÀ SIGNIFICATIVE DI
Calcio, Potassio, Fosforo e Ferro, Vitamina C e B, Fibre, Mucillagini
PUÒ CAUSARE
Non riportati effetti dannosi
Ancora nessuna varietà per questa specie
News
SE VUOI ENTRARE NELLA COMUNITÀ O DIVENTARE PARTNER