wefrood_proprieta_miele

I colori delle varietà

MIELE

Famiglia: Varie

Nome: Varie
Origine: Varie
IGP / DOP: Miele della Lunigiana DOP
Cerca frutta e verdura buone?
Promuovi i tuoi prodotti

Miele, informazioni curiosità e l'app Wefrood per trovare produttori e rivenditori

Come si fa il miele?

Solo le api conoscono il segreto di come si fa il miele. Il miele è una sostanza dolce che viene prodotta dalle api mediante la  lavorazione di due principali "ingredienti": il nettare e la melata.
Mentre il nettare, soluzione acquosa e zuccherina, è contenuto nei fiori, la melata è invece il prodotto "di scarto" di alcuni insetti (omeotteri) i quali si nutrono della linfa delle piante e rilasciano questa secrezione a base di zucchero e sali minerali.


Come fanno il miele le api?

Le api che fanno il miele si chiamano bottinatrici. Vediamo perchè. Dopo aver risucchiato il nettare o la melata mediante la proboscide, l'ape bottinatrice lo racoglie nella cavità chiamata borsa melaria dove avviene la prima trasformazione del prodotto. Qui infatti le api iniziano a lavorare la sostanza con enzimi e altre sostanze provenienti dall'apparato digerente.

Una volta riempita la sacca melaria, l'ape bottinatrice (chiamata così proprio per il "bottino" che porta) ritorna all'alveare e consegna alle api operaie il nettare o la melata raccolti.
All'interno dell'alveare il processo di trasformazione continua: vengono aggiunti altri enzimi e viene fatta evaporare l'acqua grazie allo sbattere delle ali.

Una volta finita la lavorazione, il futuro miele viene immagazzinato nelle celle dell'alveare con un'umidità del 17-18% circa che garantisce la corretta conservazione del miele (che altrimenti fermenterebbe).

Quanto miele produce un'arnia?

In condizioni ottimali, un'arnia produce fino a 60 kg a stagione. La stagione al Nord Italia inizia con la fioritura del tarassaco a marzo/aprile e finisce con la fioritura dello zucchino selvatico a settembre. Al Sud le fioriture si arricchiscono delle preziosissime zagare, i fiori di arancio, limone, clementina, pompelmo agrumi che al miele donano un profumo molto intenso. Durante la stagione si possono fare più smielature raccogliendo il miele in base alle fioriture per realizzare il miele monofioritura (es. Miele di tarassaco, miele di acacia, etc) oppure fare un'unica raccolta alla fine della stagione per produrre il miele millefiori. 
Questo miele viene depositato e immagazzinato nel melario, la parte superiore e aggiuntiva dell'arnia, poichè in realtà il miele prodotto dalle api è molto di più: nel nido rimane una grande quantità di miele (dai 20 ai 30 kg) che viene conservato dalle api come "scorta" di cibo per la stagione invernale permettendo loro di sopravvivere e arrivare alla stagione successiva in piena forza. 

Dove si conserva il miele? Va messo in frigorifero?

Il miele si conserva in un barattolo di vetro ben sigillato, in quanto il vetro non cede al miele nessun odore.
Una volta aperto, il miele va riposto in un luogo fresco e asciutto, come per esempio la dispensa. Non va mai messo in frigorifero ne vicino a fonti di calore perchè queste due condizioni modificano la struttura molecolare del miele: in frigorifero tenderà a cristallizzarsi ed indurirsi, mentre vicino ad una fonte di calore tenderà a liquefarsi.

Data l'altissima concentrazione di zucchero (oltre l'80%), il miele non ha una scadenza precisa; può durare diversi anni se ben conservato poichè è immune agli attacchi di batteri e muffe e nessun microrganismo può proliferare.

L'unico motivo per cui il miele potrebbe degradarsi è l'umidità: essendo igroscopico, se lasciato aperto può inumidirsi. Aumentando la quantità di acqua al suo interno inizia il processo di fermentazione e deterioramento del miele.

Il miele fa ingrassare?

Grazie agli zuccheri semplici il miele viene digerito subito dopo il consumo accelera il metabolismo, motivo per cui non si deposita e pertanto non fa ingrassare. 
C'è però da considerare che un uso smodato del miele, come di tutto il resto, è complice dell'aumento di peso essendo altamente calorico.

Quante calorie ha il miele?

Il miele ha circa 300 calorie ogni 100 grammi ed è per questo altamente energetico. Ne viene infatti consigliato l'uso soprattutto a colazione, per iniziare la giornata al massimo delle forze.

A cosa fa bene il miele?

Il miele ha tantissime proprietà: è antisettico, migliora la digestione e protegge lo stomaco, come abbiamo visto accelera il metabolismo, è antiffiammatorio, antibatterico, e decongestionante.
Infine, grazie alle sue note proprietà emolienti, è ottimo per trattare mal di gola e tosse.

Una dose di miele al giorno, indicativamente dai 30 ai 100 grammi, contribuisce a rafforzare il sistema immunitario, a migliorare la digestione e a sfiammare il corpo.

Un dolce a base di miele

Il briouat
Il briouat è un dolce tipico marocchino a base di miele che ne esalta il sapore e la dolcezza.
Questi piccoli triangolini sono una vera esplosione di sapore: leggermente croccanti all'esterno e dal cuore tenero, sono davvero deliziosi ma...attenzione! Creano dipendenza ;)

Ingredienti:

  • 1 confezione di pasta brick/fillo
  • 300 g di mandorle
  • 200 g di zucchero
  • 2 cucchiai di acqua di fiori d'arancio
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 50 g di burro
  • miele
  • olio di arachidi
Per prima cosa, rosolate le mandorle con qualche cucchiaio di olio d'arachidi. Una volta rosolate e dorate per bene, tritatele con il mixer. Aggiungere lo zuccherro, il burro ammorbidito, la cannella e l'acqua di fiori d'arancio al trito di mandorle ottenuto e amalgamate per bene fino ad ottenere un composto omogeneo.

Ora stendete i fogli di pasta e bagnateli con un pò di acqua di fiori d'arancio.
Riicavate dei triangolini di circa 20 cm per 15 cm e ponete un cucchiaino di ripieno di mandorle a metà del triangolo. Schiacciare leggermente con il dorso del chucchiaio il composto e richiudete il trinagolo prima da un angolo poi dall'altro. Ripetere l'operazione fino ad ottenere un piccolo triangolino.

Scaldate leggermente il miele a bagnomaria in modo che diventi ben liquido. Attenzione a non esagerare col calore: il troppo caldo uccide gli enzimi nel miele vanificando tutte le sue proprietà.
Ora friggete i triangolini nell'olio di arachidi che avrete precedentemente scaldato fino a quando non saranno completamente dorati.
Scolate i triangolini fritti e immergeteli nel miele fatto liquido. Mettete su un piatto e lasciare raffreddare!
buon dolcetto ;)
  • Ambiente di coltivazione: Campo 
FRIGORIFERO
Teme il freddo da frigorifero?
Molto
MATURAZIONE
Matura con gli altri:  No
Fa maturare gli altri:  No
DURATA A TEMPERATURA 
AMBIENTE:  360 giorni
FRIGORIFERO:  360 giorni
COSA SI CONSUMA
Miele
COME SI CONSUMA
Crudo
COME SI CONSERVA
in barattolo di vetro
POSITIVO PER
Infiammazioni alle vie respiratorie
PUÒ CAUSARE
Eccesso di zuccheri nell'alimentazione
Ancora nessuna varietà per questa specie
REGISTRA LA TUA VARIETÀ

Wefrood - L'app per trovare frutta e verdura buone

Scaricala e registrati

Il blog - sapere, sapore, salute