wefrood_proprieta_lenticchia

I colori delle varietà

LENTICCHIA

Famiglia: Fabaceae

Nome: Lens culinaris Medik
Origine: Turchia, Siria, Iraq
Gruppi morfo-funzionali e altre classificazioni: Colore del seme (marrone scuro, verde, rosso) e al periodo di semina (primaverile o autunnale)
IGP / DOP: Lenticchia di Castelluccio di Norcia IGP,
TROVA PRODUTTORI E RIVENDITORI

Cos'è la lenticchia?

La lenticchia è il seme di una pianta annuale (vuol dire germina e fa il seme nello stesso anno) appartenente alla famiglia delle Leguminoseae (o Fabaceae) che di nome e cognome fa Lens culinaris Medik, dove Medik è l'abbreviazione di Medikus Friedrich Kasimir, il  nome del botanico tedesco che la classificò nel 18esimo secolo.

I fiori, a forma di farfalla come tutte le leguminosae, sono uniti in grappoli di 4, bianchi o blu e producono il bacello, il vero frutto della pianta. La sua origine è Mediterraneo Caucasica ma la sua diffusione è praticamente globale. Si dice che le Lenticchie portino soldi se mangiate a San Silvestro. Questa è una credenza popolare tramandata dai romani, che all'inizio dell'anno nuovo, regalavano una borsa di cuoio che conteneva lenticchie, con l'augurio che si tramutassero in soldi. Si ritiene che le lenticchie siano state alla base dell’alimentazione mediorientale ed indiana per migliaia di anni. Ci sono documenti che dimostrano che in oriente questi legumi siano stati consumati a partire da 6.000 anni fa.

Il gusto della lenticchia

Le lenticchie hanno un gusto intenso, persistente e che può andare dal dolciastro al leggermente amarognolo. Sono tra i prodotti vegetali con il maggiore valore nutritivo, al punto da esser considerate la carne dei poveri

Lenticchie selvatiche e varietà coltivate.

Le sottospecie di Lens culinaris selvatiche sono quattro. Tra queste la sottospecie "culinaris" è quella coltivata da millenni.  I semi hanno una forma lenticolare, da cui il nome, ed un diametro che va da 2 a 9 mm. La maggior parte delle Lenticchie coltivate oggi in Italia viene da popolazioni locali. In Italia sono numerosi i presidi SlowFood e i Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT). Tra questi vanno ricordati la lenticchia Verde di Altamura (PAT), di la Lenticchia di Villalba (PAT), la lenticchia di Ustica (Slow Food), la lenticchia Rossa, la lenticchia del Fucino (PAT), la lenticchia di Colfiorito (PAT) e la lenticchia di Mormanno.

Le varietà di questo legume si distinguono per dimensione del seme (piccolo o grande) e appunto dal colore  (nero, verde, marrone, rosso).

Come usare le lenticchie in cucina

La lenticchia, come molti altri legumi è al centro della cucina povera. Si può trovare in umido, in minestre, in zuppe, in vellutate o come contorno a piatti importanti di carne e pesce. Le lenticchie sono  facili e veloci da cuocere anche se occorre distinguere tra quelle decorticate (cuociono rapidamente in 20 minuti circa) e quelle che conservano la buccia che devono essere idratate bene per un tempo che varia dalle 2 alle 10 ore.

Come conservare la Lenticchia

La Lenticchia viene venduta normalmente essiccata o già cotta, quindi non avrai nessun problema a conservare questo piccolo legume. L'unica accortezza che devi prendere, se hai acquistato il prodotto secco, è quella di chiudere i semi in un contenitore ermetico in un posto asciutto.

Quando gustare la Lenticchia

La Lenticchia la puoi trovare tutto l'anno dal tuo rivenditore di fiducia, però se desideri avere il frutto dell'anno, sarà disponibile dopo il periodo di raccolta che avviene tra giugno e agosto.

Come si comporta la lenticchia con gli altri prodotti della dispensa.

La Lenticchia viene venduta essiccata o cotta, il seme non è più "vivo", quindi non produce più etilene e non sente l'effetto di quello prodotto da frutta o verdura vicini.

Le proprietà della lenticchia per la salute.

La lenticchia è un prodotto molto importante in quanto contribuisce a limitare il colesterolo, a ridurre le infezioni microbiche del tratto intestinale,  a curare l'Anemia ed a ridurre il rischio di Malattie Cardiovascolari. E ideale per chi deve seguire un regime alimentare ipocalorico perchè riduce il senso di fame. Inoltre è perfetto a pranzo ed a cena inquanto riduce il rischio di digestione lenta. Altissimo il valore delle proteine proteine vegetali che contiene, oltre agli apporti di Omega 3 e 6, Fosforo,Potassio, Ferro, Vitamina J, Folati e Fibre

Non va somministrata a chi soffre di gotta o di colite perchè l'abbondanza di fibre può risultare dannosa ad un intestino irritato.

Lo sapevi che appartengono alla stessa famiglia ed hanno caratteristiche simili anche pisello,  fagiolino, cece e fava?

  • Ambiente di coltivazione: Campo 
FRIGORIFERO
Teme il freddo da frigorifero?
No
MATURAZIONE
Matura con gli altri:  No
Fa maturare gli altri:  No
DURATA A TEMPERATURA 
AMBIENTE:  30 giorni
FRIGORIFERO:  30 giorni
COSA SI CONSUMA
Seme
COME SI CONSUMA
Cotto
COME SI CONSERVA
Essiccato o cotto e sterilizzato
POSITIVO PER
Colesterolo, Infezioni microbiche, Anemia, Fame, Digestione lenta, Malattie Cardiovascolari
CONTIENE QUANTITÀ SIGNIFICATIVE DI
Proteine vegetali, Omega 3 e 6, Fosforo,Potassio e Ferro, Vitamina J, Folati e Fibre
PUÒ CAUSARE
Non va somministrata a chi soffre di gotta o di colite perchè l'abbondanza di fibre può risultare dannosa ad un intestino irritato.
Ancora nessuna varietà per questa specie

Wefrood - L'app per la tua frutta e verdura

Produttori e rivenditori
Informazioni e consigli
Ricette

Scaricala e registrati

News
SE VUOI ENTRARE NELLA COMUNITÀ O DIVENTARE PARTNER