wefrood_proprieta_giuggiola

I colori delle varietà

GIUGGIOLA

Famiglia: Rhamnaceae

Nome: Zizifus jujuba
Origine: Africa settentrionale e Siria
Gruppi morfo-funzionali e altre classificazioni: In base alla forma del frutto, lungo o tondo
IGP / DOP: No
PRODUTTORI, RIVENDITORI, RICETTE, OFFERTE LOCALI
VUOI VENDERE QUESTO PRODOTTO?

La Giuggiola o dattero cinese, è il frutto del giuggiolo, un albero originario della Siria largamente usato e diffuso in Cina e nel bacino del mediterraneo. Quando il frutto è acerbo, la Giuggiola, è di colore verde, la polpa ha una consistenza farinosa e il sapore è simile a quello della mela, maturando diventa di colore rosso scuro e nella piena fase di maturazione raggrinzisce e la polpa diventa come quella del dattero, morbida e dolce. Il frutto è tipico della stagione autunnale, dalle tante proprietà benefiche, ricco di antiossidanti, sono potenti antinfiammatori e aiutano ad alleviare i sintomi di ansia e depressione.

Sei un appassionato? Con l'App Wefrood porti con te tutte le informazioni.

Sei un impresa? Promuovi questo prodotto con Wefrood!

Varietà disponibili in commercio
La Giuggiola oggi è considerata una rarità, la produzione è ristretta ad un ambito familiare. Non è soggetta a una vera coltivazione intensiva, la selezione di nuove varietà è stata lasciata un po’ da parte, oggi si trovano soltanto varietà a frutto tondo, frutto lungo e a frutto grosso

Molti conoscono il modi di dire "andare in brodo di giuggiole", ma non tutti sanno che non è solo un'espressione metaforica e che il brodo di giuggiole è una vera e propria ricetta prelibata!


Ricetta del brodo di giuggiole

Ingredienti:

  • 1 kg di giuggiole
  • 300 gr mele cotogne
  • Acqua q.b.
  • 2 grappoli di uva Zibibbo
  • la buccia di 1 limone non trattato
  • 1 kg di zucchero
  • 2 bicchieri di vino rosso

Lasciate appassire le giuggiole un paio di giorni. Lavatele quindi e privatele del nocciolo interno (e pesatele).
Lavate l’uva e procedete mettendo le giuggiole in una pentola con l’uva e lo zucchero, ricoprite il tutto con acqua e lasciate bollire per 90 minuti, a fuoco basso senza coperchio. Mescolate di tanto in tanto.
Aggiungete le mele cotogne tagliate a pezzetti e private del torsolo e mescolate.
Quando l’acqua si sarà asciugata potete procedere ad aggiungere il vino e ad alzare la fiamma per farlo evaporare.
Aggiungete la buccia del limone non trattato.
Quando il brodo risulta cremoso, spegnete la fiamma, lasciatelo raffreddare e pagatelo al setaccio.
Potete conservarlo in bottigliette sterili a l fresco e a l buio.

Come conservare la Giuggiola, dentro o fuori il frigorifero?
Il frutto fresco del Giuggiolo può essere facilmente tenuto in frigorifero, in un sacchetto di carta, così da non far perdere eccessiva umidità. Oppure se acquisti il frutto essiccato, conservalo in un ambiente asciutto.

Quando gustare la Giuggiola?
La Giuggiola arriva a piena maturazione in autunno, in particolare tra settembre e ottobre. Il prodotto essiccato invece lo puoi trovare per tutto l'anno.

Fa parte dei frutti climaterici?
La Giuggiola non è un frutto climaterico. È un frutto che risente abbastanza della vicinanza di frutta o verdura che producono etilene.

  • Ambiente di coltivazione: Campo 
FRIGORIFERO
Teme il freddo da frigorifero?
No
MATURAZIONE
Matura con gli altri:  Abbastanza
Fa maturare gli altri:  No
DURATA A TEMPERATURA 
AMBIENTE:  7 giorni
FRIGORIFERO:  15 giorni
COSA SI CONSUMA
Frutto
COME SI CONSUMA
Tale e quale, essiccato, conserve e liquori
COME SI CONSERVA
Frutto fresco in un sacchetto di carta e messo in frigorifero. Essiccato in un luogo asciutto.
POSITIVO PER
Digestione lenta, insonnia, radicali liberi, stitichezza, infiammazioni, tosse e raffreddore
CONTIENE QUANTITÀ SIGNIFICATIVE DI
Tannini, Vitamina C e K, Sodio, Potassio, ferro
PUÒ CAUSARE
Non riportati effetti dannosi
Ancora nessuna varietà per questa specie
REGISTRA LA TUA VARIETÀ

Wefrood - L'app per la tua frutta e verdura

Produttori e rivenditori
Informazioni e consigli
Ricette

Scaricala e registrati

Il blog - sapere, sapore, salute