Pesche, perché Il nocciolo è velenoso? Amigdalina e altri semi a rischio

I semi di alcune varietà di frutta contengono una piccola quantità di cianuro sotto forma di amigdalina

Categoria: FAQ frutta-verdura

Il seme all'interno del nocciolo della pesca, chiamato anche armellina è velenoso perchè contiene una piccola quantità di cianuro o, per essere più precisi, di amigdalina. L’amigdalina è una composto formato da cianuro e zucchero considerata un glucoside cianogenico, ovvero in grado di liberare l’acido cianidrico nel nostro corpo. Perchè questo avvenga occorre che il seme venga masticato.

Wefrood, tutto per la tua frutta e verdura. 



In quali noccioli di frutta troviamo l'amigdalina?

L'amigdalina non si trova solamente all'interno del nocciolo della pesca, ma è presente anche in altri frutti, ecco quali:

Questa sostanza velenosa serve in natura perchè scoraggia gli insetti dal mangiare i semi dei frutti quando il loro guscio è ancora tenero e potrebbero entrarci facilmente.

Quanto cianuro è contenuto in un seme di pesca?

Ogni nocciolo di pesca, contiene circa 0,5 mg di cianuro. Per l’uomo viene considerata letale una dose da 1,5 mg per kg di peso corporeo. Se vogliamo quantificare meglio il rischio possiamo dire che per causare un'intossicazione potenzialmente letale da cianuro per un adulto servono 30 noccioli e nei bambini invece circa 5.

I sintomi da intossicazione da semi di pesca e amigdalina

I sintomi da intossicazione da amigdalina sono diversi e possono variare da individuo ad individuo e prevedere:

  • forti mal di testa,
  • nausea,
  • vomito,
  • vertigini,
  • senso di soffocamento e
  • aumento del battito cardiaco,

Nei casi più gravi, si può arrivare all'arresto cardiaco e al coma.

Noccioli di pesca  in sicurezza

L'EFSA, l'Autorità europea per la Sicurezza Alimentare ha stabilito essere innocuo un quantitativo di 3 semi piccoli o metà di uno grande per gli adulti, mentre per i bambini la soglia si abbassa a metà di un seme piccolo (albicocco). Per l'EFSA, superare questa quantità significa rischiare conseguenze per il nostro organismo.

Facciamo quindi sempre attenzione a separare il frutto dal suo nocciolo e soprattutto ad evitare di masticare o ingerire il seme.

Tutte le controindicazioni per ciascuna specie vegetale sono nelle schede specie di Wefrood. Scarica l'app wefrood



PORTA WEFROOD CON TE
PROMUOVI I TUOI PRODOTTI