MINUTI DI COTTURA ASPARAGI

Metodi e tempo di cottura per cucinare asparagi

Categoria: FAQ su F&V

I minuti di cottura degli asparagi

Il tempo di cottura dell'asparago, o meglio delle diverse varietà di asparagi, dipende dal diametro e dalla consistenza del turrione che sono caratteristiche genetiche legate alla varietà ed al sistema di coltivazione. Inoltre, ad influire sui tempi di cottura degli asparagi sono sicuramente i metodi di cottura e lessatura che si utilizzano. Vediamo meglio nel dettaglio.

Calorie dell'asparago e abitudini alimentari

L'asparago è un alimento nobile, che si cuoce in pochi minuti, già apprezzato da Egizi e Romani per le sue proprietà nutrizionali e benefiche, poco calorico e leggero grazie alle sue 24kcal per 100 grammi di prodotto. Negli ambienti Europei è un prodotto primaverile estivo che si coltiva prevalentemente in terreni sciolti e tendenzialmente sabbiosi. Il prodotto asparago in origine è selvatico e grazie all'opera di selezione durata secoli e secoli è diventato un prodotto coltivato con caratteristiche specifiche. Si tratta di una pianta pluriennale di cui si trapiantano le radici (o zampe di asparago) che produrranno negli anni a venire i loro germogli. La parte che noi consumiamo è il turrione che in pratica è il germoglio primaverile tagliato prima che la pianta sviluppi le foglie. L'aspetto dell'asparago "adulto" è molto particolare e facilmente riconoscibile perchè forma un cespuglio di altezza pari a 1,5-2 metri con foglioline molto piccole e sottili dall'aspetto simile a quelle del finocchio selvatico. Il germoglio dell'asparago in natura assomiglia un pò a quello dell'equiseto di cui però, non è nemmeno parente.

VARIETA' DI ASPARAGI e diametro 

Esistono quattro tipologie o varietà di asparagi in funzione del colore:

  • Asparago verde, la forma tradizionale di diametro indicativo variabile tra 0,5 ed 1,3 cm
  • Asparago viola, caratterizzato da una forte concentrazione di antociani fino al punto di apparire viola e con dimensioni simili a quello verde
  • Asparago bianco, caratterizzato da uno spessore significativamente più grande dei suoi "parenti" e che si ottiene del colore avorio desiderato grazie all'interramento
  • Asparago selvatico, spontaneo nei terreni boschivi e ripariali, che è tradizionalmente il più sottile tra le varietà ed è caratterizzato da una concentrazione superiore di fibre nel suo germoglio.