Il folletto Topinambur

Idee convenzionali (e non) sul tubero dal nome stravagante

Categoria: Costume e società

FOLLETTO DELLA TERRA (NON NECESSARIAMENTE DI MEZZO)

La terra offre sempre nutrimento e delizie, e qui è proprio il caso di dirlo forte, perché ciò di cui vorrei parlare oggi non viene solo dalla terra, ma da sottoterra: lo zenzero, che ha sdoganato e introdotto nel linguaggio comune la parola botanica rizoma.
No, un attimo, quelli nella foto non sono rizomi, ma tuberi.
Daccapo: la terra offre sempre eccetera eccetera: il topinambur.
Se non fossi nata in Piemonte penserei che questo sia il nome di un elfo che passeggia placido in una foresta, o quello di un folletto dispettoso protagonista di una illustrata filastrocca grottesco-moralistica di Heinrich Hoffmann.
Ora che ci rifletto meglio, non sarebbe una cattiva idea scrivere un fantasy con un personaggio del genere. Me lo segno.


MILLE IDENTITA', GUSTO (QUASI) INCONFONDIBILE

Ad ogni modo, tubero dal fiore molto decorativo, ha più nomi di una duchessa del Settecento: il già menzionato topinambur, ma anche pera di terra, tartufo di canna, rapa tedesca, carciofo di Gerusalemme, girasole del Canada. Fuochino, perché proviene effettivamente dal Nord America, ed è certamente parente del girasole. Però trovo che il più azzeccato in questo caleidoscopio di nomi sia carciofo di Gerusalemme, perché i due ortaggi hanno effettivamente un sapore affine.


DI ISPIRAZIONE IN CUCINA E NON SOLO

Personalmente, lo uso molto a mo' di carciofo. A dirla tutta, lo preferisco all'altro, perché penso sia più pratico da pulire e affettare.
E il gioco è fatto: soffritto per un rapido all-in-white piatto di riso al topinambur, o semplicemente in padella con il classico filo di olio di oliva, condito con prezzemolo e limone per una variante dei più famosi carciofi alla romana.
Senza dimenticare che è buonissimo ridotto in crema, piatto ancora attuale in questi ultimi giorni prima dell'avvento ufficiale della primavera.
Ecco, magari la storia del folletto Topinambur inizia con il suo risveglio, dopo un lungo letargo invernale. Lo dicevo che c'era del potenziale nel nome un po' bizzarro di questo ortaggio.
In effetti, forse farei meglio a contattare la divisione marketing di un laboratorio erboristico, per elargire un prezioso suggerimento: se non fosse per la lettera B al posto della D, il Topinambur sarebbe infatti il nome ideale per delle compresse vegetali contro la disfunzione erettile dei roditori. Probabilmente un mercato di nicchia, ma avrei l'eterna gratitudine di Minnie, Bianca, e di tutte le altre top... ok, va bene.
Dicevo: è primavera, e Topinambur si risveglia...

SCHEDA DEL PERSONAGGIO

Mentre penso alle sue possibili avventure, perché non saperne di più sul folletto di terra Topinambur sull'App Wefrood?

Se ti piace lo stile di Roberta, leggi anche il suo "articolo del cavolo".

PORTA WEFROOD CON TE
PROMUOVI I TUOI PRODOTTI