Frutti colorati, cene estive, bella gente e........Carpe diem

Sere d'estate mangiando un'insalata; è più importate gustarsi la compagnia o fotografarla per un post su Facebook?

Categoria: Costume e società

Orazio, il poeta diceva Carpe diem (cogli l'attimo)..... e non conosceva l'uso degli smartphone e dei social. 

Una bella compagnia, una chiacchiera interessante, anche parlando di cibo, come piace fare agli italiani. Vestiti leggeri, pelle abbronzata, sorrisi bianchissimi. Con i bambini che si godono le vacanze scolastiche ed i grandi che si raccontano i loro viaggi.

La frutta dolce, quella dell'estate, servita fresca con un pochino di fantasia e creatività. Senza spendere troppo e magari comprata dal contadino. Una bella anguria, un bel melone, una cassettina di pesche, un cestino di fichi. E se vogliamo un tocco di esotico magari un mango o un avocado.

Non c'è che l'imbarazzo della scelta in estate. Basta fermarsi lungo la strada, in un'azienda, magari trovata con l'app di Wefrood.

Tagliata, sbucciata e magari arricchita con una strizzatina di limone o qualche chicco di melograno. ed è già pronta per essere servita 

Ci sono cose che non hanno prezzo.

Il bello della semplicità e delle buone abitudini. Non serve molto per stare bene, con se stessi e gli altri. E quando le atmosfere sono così, ci sta anche una foto scattata con il cellulare ed un post il giorno dopo su facebook o istagram.

Un solo consiglio, prima assicuriamoci di gustare la serata con gli amici, poi preoccupiamoci di immortalare il momento.

Carpe diem innanzitutto! Seguici sulla nostra pagina facebook per queste ed altre considerazioni sullo star bene