Crucifere: il segreto dell'eterna giovinezza

Le Crucifere sono una famiglia di verdure ricche di proprietà benefiche che aiutano l'uomo a difendersi da tumori e problemi cardiovascolari.

Categoria: Salute

Le Crucifere e i loro Benefici

Ippocrate già nel 400 a.c. sosteneva che questa famiglia di verdure rappresentasse un elisir di lunga vita. Gli studiosi oggi a distanza di 2000 anni lo confermano, dimostrando come il consumo regolare abbia un effetto protettivo nei confronti di alcuni tipi di tumore e verso patologie cardiovascolari. 

Crucifere: quali sono e le loro Proprietà

La famiglia delle Crucifere è composta da diverse verdure: broccolo, cavolfiore, cavolo romano, cavoletti di bruxelles, rape, cime di rapa e rucola.

Dotate di elevato potere saziante e poche calorie, sono costituite per un 90 % di acqua, tantissime fibre e un pool di tutto rispetto di micronutrienti tra cui potassio, fosforo, vitamina A, C e K. 

Ciò che li ha messi al centro dell'attenzione da parte degli scienziati è il loro spiccato quantitativo di fitocomposti: tra questi i glucosinolati, i quali, quando l'ortaggio viene masticato o tagliato, liberano un'enzima, la mirosinasi, la quale li idrolizza in molecole più piccole chiamate isotiocianati.

Quest'ultimi sono responsabili del sapore leggermente amarognolo di questi ortaggi, ma anche del aroma pungente, per alcuni definita "puzza", che liberano nella casa durante la cottura. 

Puzza a parte, gli isotiocianati nel nostro organismo diventano biologicamente attivi svolgendo una potente azione antiossidante e agendo in modo specifico sulla proliferazione cellulare e l'induzione di enzimi detossificanti

I metodi di cottura delle Crucifere

Una nota importante da non dimenticare è la cottura: per poter usufruire in maniera massiva di tutti gli effetti benefici di queste verdure è importante che la cottura non sia particolarmente prolungata e se possibile anche gustarle crude in pinzimonio ad esempio. 

Se cotte, una buona norma potrebbe essere quella di cuocere nell'acqua di cottura delle stesse la pasta o un cereale qualsiasi; in questo modo potremo sfruttare a pieno tutte le qualità. 

Crucifere da evitare per chi soffre di tiroide? Si, meglio...

A chi sono sconsigliate le Crucifere? A nessuno! nota a parte per chi soffre di ipotiroidismo per i quali è bene non eccedere nel consumo, in quanto i derivati dei glucosinosilati possono interferire con l'azione della tiroide, inibendo i meccanismi di concentrazione dello iodio. 

A tutti gli altri non resta che provare e sperimentare ricette con gli ortaggi elisir di lunga vita! 

Spero di esserti stata utile. Forse ti può interessare anche questo mio post dedicato alle castagne.