Come scegliere un melone maturo e buono? Retato e liscio, ecco i consigli pratici.

A cosa guardare per comprare un melone buono e maturo

Categoria: FAQ frutta-verdura

Riconoscere un melone maturo e buono. Come si fa? Per retati e i lisci servono pochi consigli pratici per non sbagliare acquisto. Vediamo come e cosa valutare prima di scegliere un melone buono e maturo. Acquistare un melone buono e maturo non è sempre facile perché si tratta di una specie, Cucumis melo L.  che presenta

  • varietà climateriche, ossia che continuano a maturare dopo l'acquisto, 
  • varietà non climateriche che se raccolte acerbe non matureranno e rimarranno quindi sempre scadenti.

Nel caso dei meloni inoltre sono state selezionate

  • varietà profumate e
  • varietà inodore.

Perchè è difficile scegliere un melone buono? A causa di queste due caratteristiche varietali non ci si può fidare del proprio naso né pensare di acquistarlo e poi lasciarlo maturare con calma in casa. Quindi scegliere un melone vuol dire individuare il momento migliore per comperarlo o staccarlo dalla pianta assicurandosi che sia sempre maturo al punto giusto. I meloni buoni e maturi hanno solitamente le seguenti caratteristiche:

  • hanno forma regolare ossia all'esterno non presentano malformazioni
  • hanno la corona del picciolo segnata ed in parte staccata dal frutto.
  • conservano colorazioni e striature verdognole e le parti gialle non virano mai al giallo intenso.
  • possono presentare piccole spaccature che sono sinonimo di alto contenuto zuccherino
  • sono solitamente pesanti ossia risultano avere un peso specifico elevato.

Alcune immagini possono aiutare a capire meglio

Meloni regolari sono spesso garanzia di melone buono

La regolarità del frutto del melone è indici di impollinazione di qualità. Una pianta bene impollinata è ricca di semi ben disposti nel centro del frutto e questo è garanzia di crescita omogenea ed equilibrata da cui deriva il frutto di melone regolare


Melone con il picciolo parzialmente staccato


Il melone che si presenti con la corona del picciolo segnata e parzialmente staccata indica un frutto che è giunto all'apice della sua crescita e che la pianta da deciso di staccare perché vada a diffondere i semi. Solitamente a questo punto il melone ha raggiunto il massimo del suo grado zuccherino ed è pronto per essere consumato. Il grado zuccherino si misura in gradi Brix che sono una stima indiretta della percentuale di fruttosio ed altri zuccheri presenti nel succo cellulare

Melone di colorazione giallo tenue, mai troppo scuro.

Il melone giallo tenue è segno di maturazione controllata. Nel caso in cui sulla stessa varietà compaiano frutti di colorazione più carica sono un indicatore dell'avanzato stato di maturazione. Vanno sempre evitati i colori aranciati o bruni che sono sinonimo di fermentazione

Spaccature del melone in prossimità del picciolo

Anche le spaccature del melone che si vedono nell'immagine in prossimità del picciolo sono indice di elevato grado zuccherino. Si formano perché la pressione osmotica esercitata dagli zuccheri della polpa, a volte anche il 14-16%, può produrre piccole fessure nella parte più periferica ed esterna della buccia. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un melone maturo.

Capire se un melone è maturo e buono diventa ancora più complicato quando si prendono in considerazione

  • meloni gialletti, che normalmente maturano molto lentamente e si possono conservare anche per due settimane
  • meloni piel de sapo, dalla polpa bianca e dalla buccia verde striata anch'esso conservabile a lungo.

Un consiglio sempre valido: chiedete al fruttivendolo quale fa al caso vostro a seconda del momento in cui pensate di mangiarlo ed al luogo dove intendete conservarlo e vi saprà consigliare. C'è tanta competenza negli addetti ai lavori che si trasforma in valore nei nostri acquisti. Per le durate di tutti i frutti in frigorifero e fuori frigo potete invece consultare l'app di Wefrood. Nell'app di Wefrood trovi tutto su frutta e verdura




PORTA WEFROOD CON TE
PROMUOVI I TUOI PRODOTTI